Skip to content

Utilizzare cellulari e tablet a letto per tante ore…

È abitudine ormai comune trascorrere un po’ di tempo, o molto tempo, sui social network oppure in chat prima di addormentarsi e così smartphone e tablet sono compagni di letto per la maggior parte di ragazzini e adulti, ma è un’abitudine sana?

Vi sono limiti da rispettare?

Ecco una breve guida che può aiutarti.

tablet dormire

Smartphone e tablet a letto? Studi scientifici li bocciano

Come al solito con la nascita di un’abitudine fioriscono anche tanti studi scientifici volti a capire le conseguenze, positive o negative, del comportamento in oggetto. Non possono quindi mancare ricerche scientifiche sugli effetti dell’uso di smartphone e tablet a letto.

Da uno studio condotto dalla “Brigham and Woman Hospital di Boston” del Massachusetts emerge che dalla luminosità dello schermo dello smartphone, e ancor più del tablet, derivano dei danni al ritmo sonno-veglia. Infatti la luminosità sopprime la produzione di melatonina, un ormone importante nella regolazione del sonno.

Molto più salutare quindi leggere un libro, ma che sia rigorosamente stampato su carta, oppure su libri digitali che riducono la luminosità e riescono in qualche modo a simulare la lettura su carta.

Deve anche essere sottolineato che una riduzione cronica della melatonina aumenta il rischio di patologie cardiovascolari. Inoltre dormire poco può portare all’insorgere di patologie come diabete, colesterolo alto e obesità.

Effetti dello smartphone a letto

tablet a lettoSe anche tu sei abituato ad utilizzare lo smartphone prima di addormentarti e dopo aver detto “resto solo 5 minuti” inizi a chattare e perdi la cognizione del tempo, è meglio che continui a leggere.


Lo studio è stato basato sull’osservazione di pazienti, divisi in due gruppi. Il primo gruppo è stato sottoposto a lettura su iPad per 4 ore prima di dormire per cinque giorni di fila, il secondo alla lettura su carta.

Dall’osservazione è emerso che coloro che leggevano su supporto digitale avevano meno sonno, una produzione di melatonina più bassa e la fase REM di sonno più breve.

Si tratta dell’ultima fase del sonno, REM sta ad indicare Rapid Eye Movement, cioè movimenti rapidi degli occhi, ed è anche la fase in cui si sogna. Ciò avviene perché in questo frangente il cervello è particolarmente attivo, tale attività permette di vivere entusiasmanti storie durante i sogni. Perché è così importante la fase REM?

Lo studioso William Dement ha dimostrato che chi ha una fase di sonno REM eccessivamente breve mostra l’insorgenza di sintomi ansiosi, difficoltà di concentrazione, inoltre è irritabile e può manifestare difficoltà di concentrazione.


Il sonno oltre ad essere rovinato dalla luminosità dello schermo che procura una sorta di eccitazione, è rovinato anche dai rumori, infatti, lasciando i dispositivi accesi di notte, basta un messaggino o una notifica nel silenzio della camera a provocare continui risvegli.

dormire con cellulare

I danni alla vista

Se hai l’abitudine di utilizzare smartphone e tablet a letto o lasci che i tuoi figli lo facciano non devi trascurare i possibili danni alla vista.

La luce blu che permette di guardare lo schermo del tablet anche al sole, a lungo termine può danneggiare gli occhi attraverso una degenerazione maculare della retina precoce.

Gli occhi sono abituati a regolare la pupilla per evitare gli effetti di una luce troppo intensa, ma la continua esposizione può provocare una limitazione della capacità dell’occhio di difendersi da una luce troppo aggressiva.

E se perdi l’intimità?

coppia letto con cellulareNon sono solo questi i danni dell’uso smoderato dello smartphone a letto, infatti, da un’indagine condotta da Durex emerge che a pagarne le conseguenze, soprattutto nelle coppie con meno di 35 anni di età, è anche l’intimità.

Il 41% degli intervistati ha dichiarato di avere difficoltà a prendere l’iniziativa a letto se il proprio partner è impegnato con lo smartphone, questo molto probabilmente è legato alla paura del rifiuto in favore delle tecnologiche relazioni social.

Il periodo in cui il bisogno di social diventa più impellente è quello delle vacanze e così anche questo periodo in cui il tempo libero, il relax lontano dagli impegni di lavoro, dovrebbe portare ad un maggior coinvolgimento fisico, vede come protagonista lo smartphone.

I dati confermano che in vacanza si posta il 65% in più rispetto ai periodi di routine.

Anche Durex ha condotto la sua ricerca con metodo scientifico e quindi ha portato 6 coppie in un resort, tre senza smartphone e tre con smartphone e la migliore intesa sessuale è stata proprio quella delle coppie libere dai social network. Insomma sembra che lo smartphone abbia preso il posto della vecchia TV.

Ecco come puoi regalarti il giusto sonno

A questo punto non resta che spegnere tablet e smartphone per regalarsi un sonno ristoratore, magari preceduto da qualche coccola.

Per godere al meglio degli effetti benefici del sonno non devi però dimenticare l’importanza di avere materasso, rete e guanciale adatti.

La rete deve essere ortopedica in modo da sostenere bene il peso del corpo.

Il materasso può essere scelto in diversi materiali in base alle proprie esigenze, ad esempio può servirti una soluzione anallergica, ma deve avere la giusta consistenza.

Il corpo ha un peso suddiviso in diverse fasce e per ogni fascia deve esserci il giusto supporto in modo che la colonna vertebrale si trovi in una posizione naturale, che concili il sonno ed eviti fastidiosi mal di schiena. In questo modo è possibile regalarsi ore di amore ed ore di sonno gradevoli e alzarsi al mattino con il pieno di energia, magari dopo aver fatto anche bei sogni nella fase REM del sonno.

Pari importanza ha anche il guanciale che deve sostenere i muscoli e l’apparato scheletrico del collo, in questo modo al risveglio non ci sarà indolenzimento dei muscoli.

Condividi
Scroll To Top