Ritrovare il giusto ritmo al rientro dalle ferie può rappresentare un vero problema, una situazione stressante che interessa oltre 6 milioni di persone in Italia ogni anno.

Il ritorno a scuola e al lavoro dopo le vacanze estive è spesso un trauma, infatti il corpo deve adattarsi nuovamente alla vita frenetica di tutti i giorni, mentre la mente ha ancora vivido il ricordo delle giornate di relax e spensieratezza.


Se non controllata adeguatamente questa fase può diventare ingestibile, causando forti problemi di stress, insonnia, stanchezza e depressione. Per questo motivo devi prendere delle precauzioni, considerando che tale situazione coinvolge sia adulti che bambini, i quali con il ritorno a scuola dopo le vacanze estive potrebbero manifestare irrequietezza, sonnolenza e distrazioni frequenti.

Vediamo come affrontare un rientro senza stress.

ritorno a scuola dopo le vacanze estive

Da cosa dipende lo stress da rientro?

Molte volte lo stress non viene tenuto nella giusta considerazione, ma trascurato come normale conseguenza della vita moderna, piena di impegni e cose da fare ogni singolo giorno.

Al contrario si tratta di un disturbo del sistema nervoso, una condizione psichica più o meno grave, che in alcuni casi può provocare sintomi piuttosto pericolosi.


Ad esempio può causare problemi di insonnia, compromettendo il normale riposo dell’organismo, lasciandoti senza energie per affrontare una giornata densa di impegni e appuntamenti, oppure una condizione opposta di continua sonnolenza.

I disturbi del sonno sono tra i danni collaterali più comuni dello stress, ma potresti notare anche una leggera depressione, che non ti permette di vivere appieno la vita.


Allo stesso modo potresti sviluppare un senso di stanchezza, che non ti consente di rendere al 100% nelle attività quotidiane, con il rischio di assumere un atteggiamento negativo nei confronti della socialità, della vita professionale e scolastica.

Queste situazioni si verificano spesso con il ritorno a scuola e al lavoro dopo le vacanze estive, un momento sempre particolarmente delicato e difficile.


Durante le ferie ti abitui a fare solamente ciò che ti piace, sei molto sociale e attivo, mantenendo uno stile di vita energico e positivo.

Dopo il rientro invece devi riprendere i vecchi orari, quelli imposti dagli impegni quotidiani, hai poco tempo libero a disposizione e ciò può determinare un forte stress. 

Vediamo alcuni semplici accorgimenti

 

Ritornare qualche giorno prima a casa

Il corpo non è una macchina perfetta, infatti ha bisogno di un periodo di adattamento, durante il quale la mente e l’organismo imparano a gestire gli stimoli esterni e interni. Per evitare lo stress da rientro devi considerare di ritornare a casa qualche giorno prima, per dare il tempo necessario al tuo corpo di assorbire il cambiamento, spostando gli orari del sonno e della veglia con gradualità.

 

Scegliere un materasso di buona qualità

Per riprendere il giusto ritmo dopo le vacanze estive è fondamentale dormire in un ambiente rilassante, quindi è necessario disporre di un materasso di buona qualità. Non è importante la durata del sonno, quanto la sua intensità. Riuscire a dormire 6 ore profondamente, grazie a un materasso che crea condizioni ideali al riposo, è di gran lunga preferibile che rimanere 8-10 ore a letto svegliandosi stanchi, infastiditi e poco ristorati.

 

Abituare gradualmente il corpo

Spesso i problemi tipici del rientro sorgono a causa di uno sbalzo eccessivo, quando si passa dal non fare nulla di impegnativo tutto il giorno a lavorare o studiare per 8 o più ore di fila. Nessuno è in grado di affrontare tale cambiamento senza riportare delle conseguenze, perciò se vuoi evitarlo devi abituare il tuo organismo. Ad esempio valuta la possibilità di iniziare a studiare per qualche ora, durante gli ultimi giorni di riposo, oppure concediti un orario più flessibile in ufficio per i primi tempi.

 

Non eccedere con gli impegni

Una situazione piuttosto comune consiste nel ritornare al lavoro o a scuola, immergendosi a testa bassa nelle cose da fare, compresi gli arretrati. Invece devi considerare un processo più graduale, possibilmente anticipando alcuni compiti nelle fasi finali delle vacanze, non pretendendo mai troppo da te stesso. Pianifica gli impegni scolastici e lavorativi con intelligenza, posticipando tutto ciò che non è urgente, organizzando un rientro più elastico e leggero.

 

Concentrati nei primi giorni del rientro

Solitamente, dopo le ferie estive, le energie da spendere sono molte, quindi puoi sopportare senza problemi giornate iniziali dense di impegni e attività. In questi primi giorni sarai sicuramente molto attivo e fresco, tuttavia dopo qualche giorno ti sentirai al contrario esausto, stanco e leggermente depresso. Concentra le cose da fare nella prima e nella seconda giornata, lasciando quelle successive più scariche e meno pesanti.

 

Affronta il ritorno positivamente

Un atteggiamento positivo ti aiuta a combattere lo stress da rientro, perciò cerca di focalizzarti sui vantaggi del ritorno a scuola o al lavoro. Ad esempio non pensare troppo al relax della spiaggia, ma concentrati sullo studio, gli amici, lo sport e tutte quelle attività tipiche della vita di tutti i giorni, che ti fanno sentire bene e ti permettono di affrontare con più allegria il rientro.

 

Concediti un po’ di relax nei weekend

Soprattutto all’inizio, quando ancora non ti sei abituato al ritmo del ritorno, non passare il fine settimana a studiare o recuperare il lavoro arretrato. Al contrario concediti un po’ di svago e relax nel weekend, almeno per le prime settimane, lasciando il tempo necessario al tuo corpo per abituarsi nuovamente alla vita frenetica e ai mille impegni quotidiani.

Condividi