Leggere a letto? si ma attenzione alla posizione corretta

Non esiste cosa più rilassante che leggere un buon libro a letto prima di andare a dormire, magari dopo aver trascorso una lunga e faticosa giornata di lavoro. Leggere a letto concilia il sonno e aiuta il corpo a rilassarsi, ma non sempre si riesce a trovare la posizione più comoda e soprattutto quella giusta.

leggere a letto

Leggere un libro a letto può essere dannoso per la schiena, se non adottiamo alcuni accorgimenti.

Sfogliando una pagina dopo l'altra si incominciano ad avvertire i primi dolori, tensione alle spalle e dolore al collo, segnali del fatto che si sta leggendo nella posizione sbagliata.

Molte persone, inoltre, dopo qualche pagina tendono ad assopirsi fino ad addormentarsi, rimanendo nella posizione scorretta per molto tempo. Assumere una postura errata mentre si legge può provocare, quindi, dei forti dolori alla schiena, alle spalle e, in particolar modo, alla cervicale.

 

La cervicalgia è un dolore che si diffonde a partire dalla nuca fino a tutta la schiena e può coinvolgere spesso anche gli arti superiori.

 

Quando si desidera leggere a letto, spesso si assume la stessa posizione di quando si dorme, con la differenza che il cuscino viene generalmente appoggiato alla testiera del tetto per sollevare il collo e facilitare la lettura. Rimanere in questa posizione per parecchio tempo significa sicuramente garantirsi un gran torcicollo, poiché ciò che favorisce il manifestarsi di questi sintomi sono tutte le posture scorrette, in particolar modo quelle statiche e ripetitive.


Una posizione scorretta per leggere distesi è quella sul fianco. Infatti leggere su un fianco significa scaricare completamente tutto il peso del corpo sul braccio, il quale dopo un po' di tempo incomincia a indolenzirsi e a formicolare, estendendo il fastidio alla spalla e all'anca.


Chi preferisce leggere a pancia sotto, invece, può provocare dei gran fastidi ai muscoli, in particolare quelli del collo e delle spalle. Infatti leggendo a pancia all'in giù si è costretti a scaricare il peso sulla parte superiore del corpo, creando forte tensione ai muscoli tesi. Inoltre rimanendo per diverso tempo in questa posizione, possono verificarsi forti dolori alla schiena, soprattutto nella fascia lombare.

Leggi anche: Postura corretta per dormire

Quali precauzioni per leggere un libro in totale relax?

leggere-a-letto-2

Le posizioni corrette da assumere quando si legge distesi a letto possono migliorare notevolmente il risveglio al mattino.


Esistono dei trucchi efficaci per non sovraccaricare il peso sui muscoli ed evitare dolori quando ci si alza dal letto.

Chi non può proprio fare a meno di leggere su un fianco dovrebbe utilizzare un cuscino con un alezza adeguata (non troppa alto e non troppo basso), cercando il più possibile di appoggiare il ventre alla superficie del letto, tendendo la gamba su cui si posa il peso del corpo e flettendo l'altra.


Per leggere a pancia sotto un metodo efficace sarebbe infilare sotto il petto un cuscino, mentre chi desidera sfogliare un libro in posizione supina dovrebbe scegliere il giusto guanciale, senza appoggiarlo alla testiera del letto. Utilizzare il giusto cuscino per leggere a letto può rivelarsi un grande aiuto...


La caratteristica fondamentale per non soffrire di dolori è acquistare cuscini che non siano nè troppo rigidi nè troppo morbidi, ma che mantengano il collo nella posizione corretta e sostengano al meglio il peso della testa, senza farla sprofondare. I cuscini di nuova generazione sono quelli ideali, anallergici, antiacari e confortevoli, in quanto si modellano e distribuiscono in maniera uniforme il peso corporeo.


Un altro problema che può causare questi dolori dovuti alla lettura è il peso del libro. Quando si legge, lo sguardo e il collo sono rivolti verso il basso e i libri pesanti non fanno che accentuare questo fastidio. Per questo motivo sarebbero da utilizzare libri digitali, il cui peso leggero non provoca tali disturbi, permettendo di avere in unico strumento digitale tutti i libri preferiti.

 

 

rete-elettrica-per-leggere-a-lettoReti elettriche una valida soluzione al problema

Una valida alternativa, probabilmente la migliore se associata ai giusti cuscini, sono le reti elettriche anatomiche ed ergonomiche. Le reti elettriche migliori sul mercato sono quelle ortopediche con doghe in legno, le più efficaci e durature nel tempo.

 

Le doghe in legno sostengono e distribuiscono in modo uniforme il peso del corpo, accompagnandolo in tutti i suoi movimenti. Se a queste caratteristiche si aggiungono i vantaggi della tecnologia il connubio è perfetto.

Queste reti non sono soltanto utili alle persone anziane, come spesso si ritiene, ma a tutti coloro che vogliono avere in casa un letto dal grande comfort e dalle prestazioni elevate.

 

Possono essere reclinabili sia nella parte superiore che in quella inferiore e azionate manualmente oppure elettronicamente, cioè con appositi telecomandi attraverso i quali controllare il movimento. A queste innovative reti possono essere abbinati i giusti materassi, per migliorare ancor di più il proprio benessere e il proprio relax.


Le reti elettriche migliorano il modo di vivere la camera da letto e, soprattutto, sono utilissime quando si desidera cullare il sonno con un buon libro.

 

 

Condividi