Esercizi posturali: a cosa servono?
Il mal di schiena è un problema comune a tantissime persone, spesso sottovalutato ma capace di arrecare non pochi problemi a chi ne soffre. Le infiammazioni dell'apparato scheletrico e muscolare sono spesso tra le prime cause di sofferenza.

Possono essere condizioni temporanee oppure croniche, spesso causate da una postura sbagliata del corpo, che sollecitando in maniera sbagliata le fasce muscolari, causano la dolorosa infiammazione

esercizi posturali

Gli esercizi posturali hanno l'obiettivo di armonizzare nuovamente la struttura muscolare e scheletrica, creando un nuovo allineamento sulla colonna vertebrale e su tutti i sistemi collegati, riportando il corpo alla sua naturale e normale mobilità, seguono diversi schemi di contrazione, ciascuno dei quali mirato al raggiungimento di uno scopo specifico.

  • La contrazione isotonica prevede un accorciamento della muscolatura del ventre, con conseguente stato di tensione continua per tutto l'apparato muscolare;
  • la contrazione isometrica, chiamata anche di tenuta, prevede un lavoro a lunghezza muscolare costante;
  • la contrazione eccentrica, invece, è l'opposto di quella isometrica e prevede un allungamento della muscolatura del ventre e un lavoro in tensione continua per tutto l'apparato muscolare.


Eseguendo gli esercizi posturali, vengono attivati tutti i tessuti, sia quelli ossei che quelli muscolari, ma anche i tendinei, connettivali e legamentosi. Questo lavoro ha un utile effetto di riflesso anche sulla circolazione sanguigna, perché sollecita la microcircolazione verso i tessuti scarsamente vascolarizzati.


Eseguendo esercizi mirati e strutturati per le specifiche problematiche, è possibile ristabilire il corretto equilibrio posturale e ritrovare l'armonia dei movimenti. La ginnastica posturale non è un'attività sportiva, ma è più che altro un lavoro di precisione: può essere assimilato a discipline come il pilates e lo yoga, ma anche allo stretching. Come in queste attività, anche nella ginnastica posturale è prevista l'assunzione di una posizione da mantenere per un determinato numero di secondi. Non è un'attività faticosa, richiede solo la giusta dose di concentrazione !

Esercizi posturali specifici spiegati dall'esperto.

Di esercizi posturali ce ne sono tantissimi e per raggiungere uno stesso obiettivo è possibile procedere secondo diversi schemi. Tra gli esercizi base per cominciare ad approcciare alla ginnastica posturale c'è:

"Rilassamento del rachide cervicale in flessione laterale"

esercizio-posturale-2esercizio-posturale-1

Distenditi sul fianco destro in modo che la testa e l’arto superiore destro sporga al di fuori del letto: lascia che la mano e l’avanbraccio si adagino a terra e che la testa, abbandonata al suo peso, si appoggi alla spalla destra. Senti l’allungamento dei muscoli laterali del collo e la mobilizzazione del rachide cervicale.

Controlla il rilassamento dei muscoli del viso, la posizione corretta di riposo della lingua. Mantieni la posizione per alcuni respiri, calmi e regolari e poi rialzati molto lentamente, aiutandoti con l’arto superiore sinistro. Ripeti poi lo stesso esercizio sul fianco sinistro.
È una postura efficace in cui si utilizza il peso del capo per mobilizzare il rachide in flessione laterale e per decomprimere i dischi intervertebrali cervicali.

Per scoprire ulteriori esercizi visita il Programma Prof. Toso


Questi esercizi, se eseguiti regolarmente, correttamente e con costanza, possono aiutare a prevenire il mal di schiena e a curare eventuali piccole problematiche legate a una condizione di scarsa mobilità.

Prevenzione del mal di schiena, ecco qualche consiglio

dolore-schienaLa prevenzione del mal di schiena è, forse, l'unica soluzione per evitare di subire quel fastidioso dolore che attanaglia un po' tutti, chi più e chi meno.

Principalmente, si consiglia di prestare attenzione a certi movimenti, soprattutto quando non si è più giovanissimi. E' meglio evitare di sollevare pesi eccessivi e, se proprio non se ne può fare a meno, è sempre utile sfruttare la leva delle gambe e non agire solo sfruttando la forza muscolare della schiena, causando eccessive sollecitazioni. Evitare anche di mantenere una posizione curva per troppo tempo e movimenti rapidi, specialmente se non allenati.


Oltre a questo, particolarmente importanti sono i sistemi letto su cui si riposa la notte: avere a disposizione un materasso e una rete che supportino adeguatamente la schiena, assecondando i movimenti e garantendo il necessario comfort, è fondamentale per il miglior riposo e per la salute della schiena.

Allo stesso modo, però, per il lavoro di ufficio sarebbero da consigliare le sedie ergonomiche, nate per migliorare la postura della schiena e garantire il giusto sostegno.

Condividi