L’importanza di dormire su un materasso igienizzato

Per dormire in un ambiente sano e pulito bisogna prestare particolare attenzione anche all’igiene del materasso.

Il letto è il posto dove una persona trascorre un terzo della sua giornata, quindi deve essere pulito con regolarità e con una certa attenzione per evitare che diventi un reticolo di batteri e sostanze dannose all’organismo.


Basta pensare a quello che si può depositare tra le lenzuola ogni giorno: polvere, acari, batteri, virus, peli, capelli, pelle, sangue, trucco, sudore, ecc.

Se non ci si dedica con una certa cadenza e meticolosità alla rimozione di questa sporcizia, il più delle volte non visibile ad occhio nudo, si può compromettere la qualità di un buon riposo o incappare in problemi come le reazioni allergiche e molto altro.

igiene materasso

Il materasso, una delle insidie degli alberghi

Se la pulizia del proprio materasso necessita di una particolare attenzione, quello delle camere d’albergo ne merita ancora di più.

Nelle stanze di hotel passano un numero elevatissimo di clienti che oltre ad usurare il materasso del letto vi lasciano sporco.

 

Se la maggior parte delle persone pensa che per pulire un materasso basta batterlo o spazzolarlo per eliminare la polvere ed eventuali virus, è bene sottolineare che a lungo andare il peso del materasso aumenta a causa del continuo immagazzinare sporcizia, seppur microscopica, penalizzando comfort e benessere.

 

Quindi la gestione delle pulizie delle stanze di albergo non solo deve prevedere un turn over più frequente dei materassi rispetto a quelli domestici, ma deve contemplare una serie di manutenzioni, pulizie e prodotti specifici che ne preservano l’igiene e la qualità durante il loro ciclo di vita.

 

In questi ambienti diventano molto importanti i copri materasso, facili da sostituire e da lavare.

Inoltre, l’albergo come qualsiasi altra struttura ricettiva, deve dotarsi di un servizio di lavaggio e sanificazione dei materassi, con strumenti specifici o appoggiandosi a ditte esterne specializzate.

I problemi di un materasso

La cosa più evidente di un materasso usurato è che con il passare del tempo si deforma al centro non permettendo più un buon riposo su una superficie piana e dura.

E’ proprio per questo che consigliamo la sostituzione dopo qualche anno anche se il materasso non ha evidenti segni di usura, ma a livello igienico bisogna prevenire.

 

Questo è ancora più vero in caso di una struttura ricettiva come hotel e B&B.

Per salvaguardare la struttura del materasso bastano poche accortezze come ruotarlo ogni due mesi per consumarlo in modo omogeneo, vietare ai bambini di saltarci sopra e prediligere una rete con una buona struttura centrale.


Il secondo problema è dato dalla presenza di microbi al suo interno.

Un materasso può arrivare ad ospitare fino a dieci milioni di questi microscopici acari che amano cibarsi di oli corporei, pelle e polvere con conseguenze maggiori a carico di soggetti allergici e asmatici con sintomi quali prurito, starnuti, tosse, lacrimazione, naso gocciolante, respiro corto e difficoltà respiratorie.

Come proteggersi da acari, batteri e microbi

Un buon aiuto è dato dai rivestimenti e coprimaterassi che, grazie ad una trama più stretta, l'inserimento di fili d'argento e trattamenti speciali, diminuiscono la formazione di acari e microbi.

Nella scelta della biancheria è preferibile optare per quella che si può lavare frequentemente e con acqua bollente.

Ad ogni cambio del letto è consigliato l’utilizzo di un aspirapolvere, meglio se con filtro hepa per l’efficace rimozione della polvere.


Per dormire sonni tranquilli è buona cosa effettuare un paio di volte all’anno una pulizia più profonda ed accurata, lavando contemporaneamente tutta la biancheria del letto e lasciando al sole per un giorno sia il materasso, che i cuscini.

Per una buona detersione oltre al passaggio dell’aspirapolvere su ogni lato è bene anche effettuare un trattamento con i dispositivi pulenti a vapore, efficaci anche per gli agenti patogeni.

 

Un eccellente alleato contro la proliferazione degli acari è l’uso dei cristalli di bicarbonato che dopo un paio di ore possono essere aspirati velocemente ed eliminati dalla superficie.

 

Infine, ci sono diverse sostanze come l’acqua ossigenata, l’aceto bianco, il bicarbonato di sodio, i detersivi enzimatici, il tea tree oil, che aiutano non solo ad eliminare eventuali macchie, ma detergono e annientano i cattivi odori, però bisogna fare attenzione e prima di intraprendere qualsiasi tipo di trattamento è meglio chiedere consiglio alla ditta produttrice, perché i tessuti e materiali sono diversi e reagiscono in modo differente.

 

Esiste inoltre la sanificazione ad Ozono che è un sistema innovativo per igienizzare a fondo il materasso e distruggere eventuali batteri e microbi.

Cosa succede quando il materasso è da sostituire

Dormire su un materasso vecchio, deformato e rovinato non solo è scomodo e spiacevole, ma è la causa di dolori a schiena e collo e di un sonno più disturbato dalla continua ricerca di una posizione migliore.

 

Quando il giaciglio è scomodo, si fatica a prender sonno e ci si sveglia stanchi ed acciaccati, è giunto il momento di pensare all’acquisto di un nuovo materasso, perché a questo punto servono a poco i cuscini posizionati nei modi più assurdi per trovare un sollievo temporaneo per alleviare le tensioni della schiena.

 


Anche l’hotel deve pensare ai suoi clienti, un cliente che si sveglia riposato e senza dolori è un cliente che sicuramente parlerà bene delle vostre camere.

Offriamo una grande varietà di materassi in grado di accontentare i diversi gusti ed esigenze come ad esempio, materassi in memory, molle insacchettate con memory e lattice.

 

La soluzione migliore ai problemi di un materasso vecchio rimane comunque la sostituzione con uno nuovo, perché oltre alla scomodità, continuare a pulirlo non è sufficiente ai fini del benessere di chi ci dorme.

Condividi